fuck the crowd


It’s Good Exposure – Lies
ottobre 14, 2012, 9:25 am
Filed under: hype | Tag:

Non c’è niente di peggio legato al mondo del djing e dei live musicali di quando si sente la fatidica frase: “è una buona esposizione”. Sia quando questo è legato ad una serata “normale” o a una manifestazione più importante: in consolle in un club o in un festival. In linea di principio, non c’è nulla di sbagliato nell’idea di farsi pubblicità in maniera diretta, traendo “visibilità” da un party o da un evento, prestando il proprio lavoro in cambio non di un pagamento immediato ma guadagnando in “attenzione” del pubblico. I problemi arrivano quando l’esposizione è sproporzionata rispetto allo sforzo necessario: questo accade quando molto deliberatamente qualcuno ha già deciso che per il compito “da scambiare” non ha voglia di pagare nulla. Perché non vogliono pagare? Questa è la prima domanda da farsi. In Italia in genere succede che gli organizzatori spendano troppo per accaparrarsi gli artisti stranieri e vogliano gratis quelli locali, oppure nei molti festival – eventi e “cartelloni” finanziati dalla politica – devono mantenere i loro carrozzoni, affermando semmai pure che “la musica è lavoro”: retribuito per loro – che non combinano niente di buono – solo in quanto raccomandati, gratis per gli altri o quasi (questi farabutti lasciano a malapena le briciole). Proviamo un attimo a riflettere: che cosa è esattamente una “buona visibilità”? Fare remix gratis per etichette quasi sconosciute non giova a nessuno ma nemmeno comparire in compilation-minestroni sugli allegati d’un grosso quotidiano fa si d’acquisire troppe simpatie fra i frequentatori delle scene non mainstream. Nemmeno suonare gratis in un festival che notoriamente si mantiene risparmiando sugli artisti locali è una buona soluzione: l’anno successivo il direttore artistico continuerà a risparmiare sugli artisti locali per potersi assicurare anche soltanto un nome “buono” straniero (e al posto vostro ci sarà un altro babbione d’artista locale, che suona a gratis e che semmai s’impegna pure nella promozione dell’evento….sic!). Bisogna in ogni specifico caso valutare i pro e i contro nel fare qualcosa per una “buona esposizione”, perché oramai di comunicati stampa ne escono a milioni ogni giorno. Egualmente prima d’ogni scelta bisogna sempre assicurarsi che sia chiaro per tutte le persone coinvolte ciò che questa “buona esposizione” deve essere, assicurandosi al contempo che non ci sia un modo migliore di ottenere la stessa attenzione muovendosi da soli e controllando in prima persona ogni cosa.


Lascia un commento so far
Lascia un commento



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger cliccano Mi Piace per questo: